Camposanto Monumentale

Camposanto monumentale pisa

Il ciclo pittorico fu purtroppo gravemente danneggiato da un proiettile di artiglieria che nell’agosto 1944 si abbatté sul tetto in piombo del Camposanto, provocandone la fusione e la conseguente colatura lungo le pareti affrescate. Durante il distacco degli affreschi danneggiati dalle pareti furono riportati alla luce i disegni preparatori originali (sinopie) delle opere. Restituite alla loro bellezza le sinopie costituiscono un eccezionale documento storico-artistico custodito nel vicino Museo delle Sinopie.

Orario

  1. Da novembre a febbraio: dalle 10.00 alle 17.00
  2. Marzo: dalle 9.00 alle 17.30
  3. Da aprile a settembre: dalle 8.30 alle 20.00
  4. Ottobre: dalle 9.00 alle 19.00

L’accesso ai monumenti è consentito fino a 30 minuti prima della chiusura.

Ingresso

  1. 1 monumento: € 5,00 (a scelta fra Battistero, Camposanto Monumentale, Museo dell’Opera del Duomo, Museo delle Sinopie)
  2. 2 monumenti: € 6,00
  3. 4 monumenti: € 8,00


Gruppi scolastici

  1. 1 monumento: € 2,00
  2. 2 monumenti: € 3,00
  3. 4 monumenti: € 4,00

Si informa che per le scolaresche in visita al complesso monumentale della Piazza del Duomo di Pisa è disponibile un laboratorio didattico condotto da personale esperto.

Come arrivare dalla stazione Pisa Centrale

In autobus:
• LAM Rossa direzione 1 (San Jacopo), dalla fermata Stazione FS 6 alla fermata Torre 1

Battistero

Foto gallery Pisa
La costruzione del Battistero fu iniziata nel 1153 dal Diotisalvi, architetto della chiesa del Santo Sepolcro. Il monumento fu riedificato nel 1278, come dice una iscrizione che appare fra due pilastri all’interno del Battistero. Mancano notizie precise sul procedere dei lavori del Battistero e sul modo con il quale esso venne costruito nella forma attuale. L’ordine di archetti che circonda il Battistero è ornato con teste e sculture attribuite a Nicola e Giovanni Pisano e ritenute tra le loro opere più importanti. Al centro del monumento è posto il bellissimo fonte battesimale e, vicino all’altare, sorge il pulpito del 1260, opera del grande Nicola Pisano.
 
Il pulpito
Il pulpito fu scolpito fra il 1255 e il 1260 da Nicola Pisano, padre di Giovanni Pisano con scene della Vita di Cristo, sui cinque pannelli parapetto, mentre in corrispondenza delle colonne sono rappresentati altri soggetti che simboleggiano Le Virtù. Le scene sul pulpito e specialmente la figura dell’Ercole nudo mostrano bene come l’influsso classico rendesse Nicola una precursore del rinascimento. Dobbiamo ricordare come nella taglia cioè nella bottega di Nicola si sia formato il gotha degli scultori del Due-Trecento italiano, a cominciare da Tino di Camaino e Arnolfo di Cambio.

Interno del battistero

L’interno, sorprendentemente semplice e privo di decorazioni, ha inoltre una eccezionale acustica.

La fonte battesimale ottagonale e posta su tre scalini al centro è datato al 1246 e fu costruito da Guido Bigarelli da Arogno allora appartenente alla diocesi di Como. La scultura bronzea di San Giovanni Battista al centro del fonte è opera egregia di Italo Griselli.

Architettura

Presenta una curiosa cupola troncoconica, come quella della chiesa dei Ospitalieri a Pisa, sempre dello stesso architetto, che copre solo il giro interno di pilastri (la tecnica costruttiva per una cupola emisferica o poligonale di grandi dimensioni era all’epoca quasi ignota). Il progetto di Diotisalvi voleva essere quello di citare architettonicamente sia la Moschea della Roccia (all’epoca ritenuta costruita sulle rovine del Tempio di Salomone) nella parte esterna, sia l’Anastasis della Basilica del Santo Sepolcro nella parte interna, entrambi a Gerusalemme. Successivamente i lavori furono proseguiti da Nicola e Giovanni Pisano che modificarono il Battistero in stile Gotico con la loggia e la cupola emisferica che nasconde quella piramidale.

La cupolina sulla sommità con la statua di San Giovanni Battista furono messi solo molto più tardi. Il Battistero originariamente aveva un’apertura sul soffitto attraverso la quale entrava la luce illuminando il fonte battesimale. In altri battisteri più antichi tale apertura serviva per riempire tale fonte con l’acqua piovana, ma non è il caso di Pisa dove il fonte non presenta canali di scolo: all’epoca i battesimi venivano già effettuati in maniera simile all’attuale attraverso piccole vasche poste lungo il bordo del fonte il quale era, quindi, puramente simbolico.

Il battistero di Pisa e la piazza dei miracoliÈ il più grande battistero in Italia: la sua circonferenza misura 107,24 m, mentre la larghezza della muratura alla base è due metri e 63 cm, per un’altezza di 54 metri e 86 centimetri. La cupola è coperta da tegoli rossi verso il mare e da lastre di piombo verso levante. Probabilmente la causa della differenza nella copertura è da trovarsi nella mancanza di denaro, così come nell’assenza di affreschi nel soffitto che tuttavia erano stati pianificati originariamente.
Il portale

Il portale, dirimpetto alla facciata del Duomo, è affiancato da due colonne di spoglio. L’architrave e suddiviso in due livelli, l’inferiore riporta episodi della vita del Battista, il superiore mostra Cristo fra la Madonna e il Battista tra angeli ed evangelisti. Ai lati del portale due lesene recano il ciclo dei mesi

Il Battistero è, come molti altri edifici di Pisa, leggermente inclinato: la pendenza verte verso est in direzione della Cattedrale.

Basilica di San Piero a Grado

Basilica di San Piero a Grado
La Basilica di San Piero a Grado, dove la tradizione vuole sia sbarcato San Pietro durante un suo viaggio dall’Egeo verso Roma, è sorta nel secolo XI sui resti di un tempio paleocristiano del IV-V secolo. Esempio suggestivo del romanico-pisano, costruita in pietra tufacea e marmo bianco proveniente da resti romani, la chiesa di San Piero a Grado è caratterizzata da un doppio ordine di absidi: tre sono rivolti a est e uno solo a ovest, con la porta principale sul fianco settentrionale. I motivi ornamentali esterni sono costituiti da paraste, archetti ciechi e bacini ceramici di derivazione islamica. All’interno il triplice ordine è costituito dalle grandi colonne con capitelli e archi decorati in colore rosso; sopra di essi sono rappresentati tutti i Pontefici fino al secolo XV. Il lucchese Deodato Orlandi dipinse i “Fatti della Vita di San Pietro”. Antichi resti di un edificio sacro del periodo tardo-antico, presenti nella parte rivolta a occidente, sono stati riportati alla luce e sono oggetto di studio.

Abbazia di San Zeno

Abbazia San Zeno Pisa

L’Abbazia di San Zeno è caratterizzata da un insieme stratigrafico di stili e orientamenti architettonici, come è ben visibile dalla stessa facciata. Essa ha origini molto antiche ed è situata in un luogo anticamente chiamato “alle grotte”, per la grande moltitudine di ruderi dell’antica Pisae romana. Abbazia benedettina, passata successivamente all’Ordine dei Camaldolesi, agli inizi del secolo XV subì radicali trasformazioni. La facciata presenta un porticato ornato da motivi geometrici di stile romanico. Dietro la chiesa si trova l’antica Porta San Zeno, detta anche Porta Monetaria nel secolo XIII perché situata vicina alla zecca dell’epoca medievale. La vera porta Monetaria è quella murata, poco distante verso sud e visibile dall’esterno.

Indice Chiese e edifici religiosi di Pisa e provincia

Basilica di san piero a grado di Pisa

PISA CHIESE ABBAZIE BASILICHE O CATTEDRALI

1. abbazia di san zeno
via san zeno 050-553606 / 910393

2.
via vecchia marina, 5 050-960065

 

Battistero Pisa3. battistero
piazza del duomo 050-560547

 

 

Camposanto monumentale di Pisa4. camposanto monumentale
piazza del duomo 050-560547

 

 

5. cattedrale di santa maria assunta
piazza del duomo 050-560921

6. chiesa dei ss cosma e damiano
via montanelli

7. chiesa dei ss Jacopo e filippo in orticaia
via san michele degli scalzi 050-31281

8. chiesa del santo sepolcro
piazza santo sepolcro, lungarno galilei 050-502728

9. chiesa della madonna dei galletti
lungarno pacinotti

10. chiesa di maria maddalena
via mazzini

11. chiesa di san bernardo
via pietro gori

12. chiesa di san biagio
viale delle piagge

13. chiesa di san domenico
corso italia

14. chiesa di san donnino
via dei cappuccini

15. chiesa di san francesco
piazza san francesco, 4 050-544091

16. chiesa di san frediano
piazza san frediano 050-46190

17. chiesa di san giorgio
via della pergola

18. chiesa di san giorgio degli innocenti o dei tedeschi
via santa maria

19. chiesa di san giovanni dei fieri
via pietro gori

20. chiesa di san giuseppe
via san giuseppe

21. chiesa di san martino in chinzica
piazza san martino, 1 050-49568

22. chiesa di san matteo in soarta
piazza san matteo in soarta, lungarno mediceo 050-543237

23. chiesa di san michele arcangelo
piazza della chiesa 050-980015

24. chiesa di san michele degli scalzi
via san michele degli scalzi 050-544767

25. chiesa di san michele in borgo
borgo stretto 050-541849

26. chiesa di san nicola
via santa maria 050-24677

27. chiesa di san paolo a ripa d’arno
piazza san paolo a ripa d’arno, lungarno sonnino 050-41515

28. chiesa di san paolo all’orto
piazza san paolo all’orto

29. chiesa di san pietro in vinculis (san pierino)
via cavour

30. chiesa di san ranierino ( o dei ss ranieri e leonardo)
via cardinale maffi 050-561950

31. chiesa di san rocco
piazza dei cavalieri

32. chiesa di san silvestro
piazza san silvestro

33. chiesa di san sisto in cortevecchia
piazza buonamici 050-48290

34. chiesa di san torpè
via carducci

35. chiesa di san vito
lungarno simonelli

36. chiesa di santa apollonia
via santa apollonia

37. chiesa di santa caterina d’alessandria
piazza santa caterina 050-552883

38. chiesa di santa cecilia
via san francesco, 70 050-543834

39. chiesa di santa chiara
via roma

40. chiesa di santa cristina
lungarno gambacorti 050-28038

chiesa di santa croce in fossabanda
piazza santa croce 050-503522

chiesa di santa eufrasia
via dei mille

Chiesa di Santa Maria del Carmine
piazza del carmine 050-502410

Chiesa di Santa Maria della Spina
Chiesa di Santa Maria della Spina

lungarno gambacorti 050-21441/ 055-3215446

 

Chiesa di Santa Marta
via santa marta 050-543138

chiesa di sant’andrea
via cuore

chiesa di sant’anna
via carducci, 36

chiesa di sant’antonio
piazza vittorio emanuele ii, 17 050-25258

chiesa di sant’ermete in orticaia
via sant’ermete

chiesa di santo stefano dei cavalieri
piazza dei cavalieri, 8 050-580814

chiesa di santo stefano extra moenia
via s. stefano, 2 050-564763

cimitero ebraico
largo cocco griffi, 10 050-542580

via palestro, 24 050-542580

1 10 11 12